COLLANA QUADERNI

  • vr_fasc Verona fascista. Miscellanea di studi su cultura e spirito pubblico fra le due guerre.
    A cura di Maurizio Zangarini; scritti di Olinto Domenichini, Angela Greco Cifelli, Silvia Pasquetto, Alberto Scapini, Marco Squarzoni, Maurizio Zangarini; con una prefazione di Emilio Franzina
    Verona, Cierre, 1993 (Quaderno 1)
    pp. 239, € 12,91 Cinque saggi, più una introduzione che non è solo tale, per aiutare a comprendere la realtà della situazione locale fra le due guerre. Attraverso l’analisi della stampa locale da un lato e del modo con cui sono state vissute alcune esperienze significative dall’altro, il volume intende offrire una chiave di lettura dell’epoca fascista a Verona: cosa è stato il fascismo veronese, chi vi ha partecipato e con quali ideali, quale lo spirito che ha animato i protagonisti, siano stati essi fascisti convinti o controvoglia.Un’analisi che, lungi dall’essere definitiva, apre comunque una strada, indica un percorso che altri, e in primo luogo l’Istituto veronese per la storia della Resistenza, dovranno riprendere ed approfondire in tutti i suoi svariati aspetti.
  • ebrei Gli Ebrei a Verona. Presenza ed esclusione
    Testi di Agata La Terza, Annapia Lobbia, Ivano Palmieri, Lina Pellegatta, Antonia Plantone Dusi, Manuela Tommasi
    Verona, Cierre, 1994 (Quaderno 2)
    pp. 111, € 9,30 La Shoah, lo sterminio degli Ebrei, è forse la più pesante eredità del nostro recente passato.
    Per questo è importante respingere la tentazione di rimuovere il ricordo per contribuire invece all’operazione storica di conservarne una lucida memoria attraverso l’analisi rigorosa e puntuale degli eventi.
    Questo libro, e la mostra che l’ha preceduto, vogliono contribuire a tale indagine, alla comprensione e alla divulgazione della storia della discriminazione e della persecuzione degli Ebrei, iniziata nel corso degli anni ’30 in molti paesi europei e culminata nella “soluzione finale” applicata nei campi di sterminio.
    Sono due i motivi che rendono questo volume un piccolo ma significativo contributo alla storiografia locale: da un lato, perché fomisce alcune informazioni relative alla realtà veronese finora non evidenziate in altre ricerche; dall’altro, perché si rivolge in modo privilegiato ad un pubblico di studenti e di insegnanti, affinché vi sia uno stimolo in più, una nuova occasione per affrontare l’argomento a scuola, dove troppo spesso – come è stato ampiamente ribadito in questi ultimi tempi – lo studio della storia contemporanea si arresta al primo ventennio del nostro secolo.
  • assalto Assalto al carcere
    La storia e il racconto della liberazione di Giovanni Roveda dal cercere veronese “degli Scalzi”

    Berto Perotti, Attilio Dabini; a cura di Maurizio Zangarini
    Verona, Cierre edizioni, 1995 (Quaderno 3)
    pp. 96, € 9,30Il volume ricostruisce la vicenda della liberazione di Giovanni Roveda dal carcere veronese detto “degli Scalzi”, di quella cioè che è ritenuta l’azione più significativa svolta dalle forze della Resistenza sul territorio veronese.
    Non tanto la più importante, che tutte lo sono state, ma certo quella con i più ampi risvolti di carattere nazionale.
    Il libro ripropone uno dei testi classici sulla Resistenza veronese, quell’Assalto agli Scalzi di Berto Perotti che già nel lontano 1956 era stato premiato dall’Istituto veneto per la storia della Resistenza, e che resta il lavoro più esaustivo per quanto riguarda la ricostruzione di quegli avvenimenti; ma presenta anche, per la prima volta tradotto in italiano, un racconto di Attilio Dabini, Dos muertos en el automòvil, pubblicato originariamente in Argentina, anch’esso nel 1956, grazie al quale si viene a conoscere un altro dei comprimari di quella vicenda, della quale viene offerta una lettura meno politica e decisamente più personale, più privata.
    Il terzo volume della collana dell’Istituto veronese per la storia della Resistenza, quindi, è finalmente dedicato ad essa; e la scelta di proporre ad un pubblico nuovo testi di quaranta anni fa è significativa, da un lato, del valore di tali testi, e, dall’altro, dell’impegno dell’Istituto stesso per giungere alla compilazione di una Storia della Resistenza veronese che offra un inquadramento il più possibile completo a quanto è avvenuto in quei diciotto mesi.
  • vr_repVerona repubblichina. Politica e vita quotidiana negli anni della Repubblica di Salò, attraverso i notiziari della Guardia nazionale repubblicana
    Lorenzo Rocca
    Verona, Cierre, 1996 (Quaderno 4)
    pp. 190, € 12,40Tramite l’analisi sistematica delle relazioni della Guardia Nazionale Repubblicana, che da Verona venivano sottoposte all’attenzione di Mussolini, l’Autore disegna un profilo della situazione socio-economica di Verona negli anni della Repubblica di Salò, come dire, appunto, di Verona Repubblichina.L’uso consolidato anche storiograficamente del termine circoscrive l’ambito cronologico e tematico, e soprattutto fa riferimento ad un tipo di fonti a cui gli Istituti storici della Resistenza guardano da tempo con rinnovata attenzione.
  • storieStorie della storia. 1943-45: il romanzo come fonte
    Scritti di Annapia Lobbia, Lina Pellegatta, Antonia Plantone Dusi, Manuela Tommasi
    Verona, Cierre, 1997 (Quaderno 5)
    pp. 160, € 12,91Attraverso l’analisi dei maggiori romanzi dedicati alla Resistenza, gli autori ricostruiscono il clima, gli umori, i sentimenti, gli stati d’animo della generazione di uomini e donne che parteciparono al movimento resistenziale.
  • industriaL’industria a Verona negli anni della grande crisi
    Un’indagine fra due censimenti: 1927-1937
    Lorenzo Facci, Ivano Palmieri
    Verona, Cierre, 1998 (Quaderno 6)
    pp. 155, € 9,30Un’analisi della realtà economica e industriale veronese negli anni centrali del fascismo condotta essenzialmente per mezzo di due strumenti: attraverso un’indagine che prende in considerazione e presenta i vari settori dell’industria locale si compone l’immagine di una provincia che si muove nel settore industriale con molta cautela e, conseguentemente, con moderato successo; attraverso l’indagine econometrica dei dati offerti dalle statistiche industriali di quegli anni si ricostruisce lo sviluppo industriale locale e lo si confronta con la più ampia realtà nazionale.
    Un importante passo avanti nell’analisi dell’economia locale fra le due guerre e nel contempo un utile e agile strumento didattico.

COLLANA MATERIALI

  • passarinDa Verona a Mauthausen via Fossoli e ritorno
    Pio Passarin
    Verona, Cierre, 1995 (Materiali, 1)
    pp. 79, € 6,20Il racconto della deportazione, della prigionia e, finalmente, della liberazione e del ritorno del veronese Pio Passarin dal lager di Mauthausen.Con una memoria su Dachau di don Lodovico Aldrighetti, parroco di Soave.
    In appendice: Lager, Bortolo e l’ebreeta, di Egidio Meneghetti
  • passariDa Verona a Mauthausen via Fossoli e ritorno
    Pio Passarin
    Verona, Cierre, 2000 (Materiali, 1)
    pp. 79Il racconto della deportazione, della prigionia e, finalmente, della liberazione e del ritorno del veronese Pio Passarin dal lager di Mauthausen.Con una memoria su Dachau di don Lodovico Aldrighetti, parroco di Soave.In appendice: Lager, Bortolo e l’ebreeta, di Egidio Meneghetti
  • ciakCiak, si studia. Brevi note per una lettura dell’immagine filmica
    Maria Graziella Tricomi
    Verona, Cierre, 2000 (Materiali 2)
    pp. 79
  • sui senteri della.tifSui sentieri della libertà
    I luoghi della Resistenza sulla montagna veronese
    Beppe Muraro, Lorenzo Rocca, Marco Solazzi
    Verona, Cierre, 2004 (Materiali 3)
    pp. 192, € 12,50Quattordici sentieri tra la Lessinia orientale e il monte Baldo.
    Quattordici itinerari nella memoria.
    Quattordici incontri con la storia della Resistenza sulle montagne veronesi.Camminare sui sentieri che attraversano i boschi della val Fraselle o i castagni di San Zeno di Montagna, girare tra le contrade di Caprino o le grotte di Velo con la consapevolezza che questi sentieri non sono solo strisce di terra battuta sottratte a boschi o pascoli, o lingue d’asfalto che passano in mezzo alle case, ma anche pagine di una storia particolare. La storia di chi, sessant’anni fa, salì tra le contrade della Lessinia o sulle pendici del Baldo per combattere il nazifascismo. Un invito ad andare in montagna con occhio e spirito diverso. Ad andare in montagna per sentirsi liberi.
    Oggi come ieri.
  • no_img_bigL’immaginario della Shoah
    Gli studenti veronesi e la percezione dello sterminio

    a cura di Agata La Terza
    Verona, Cierre, 2005 (Materiali 4)
    pp. 200, € 8In collaborazione con l’Istituto veronese per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea. Con una postfazione di Alberto Cavaglion.La ricerca, di cui questo volume è l’esito, è partita da un questionario proposto a 382 studenti veronesi delle classi quarte delle scuole superiori per comprendere tramite quali canali e in che modo venivano percepite e rielaborate le informazioni sulla Shoah.
  • muraro-ferrazzeFerrazze 26 aprile 1945
    Il silenzio e la memoria

    Beppe Muraro
    Verona, Cierre, 2005 (Materiali 5)
    formato: 12×16 cm, rilegatura in brossura cucita, 96 pp.
    ISBN: 88-8314-311-6
    prezzo: 8.00 €L’agile volume ricostruisce, attraverso voci e ricordi, le vicende avvenute a San Martino Buon Albergo, in provincia di Verona, nei giorni gloriosi, ma anche drammatici, della Liberazione dal nazifascismo.

VIDEOTECA

  • Il labirinto del Novecento
    Realizzazione a cura degli studenti della classe 4A dell’ITIS Guglielmo Marconi, Verona; in collaborazione con “Istituto veronese per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea” e col sito “Iperstoria”
  • …eppur bisogna andar…
    La Resistenza veronese raccontata dai suoi protagonisti di Gianluigi Miele
    All’indomani dell’8 Settembre le truppe tedesche occuparono tutti i luoghi strategici di Verona, ritenuta importantissima per il controllo dei traffici tra l’Italia e la Germania.
    Verona, nei fatti capitale della Repubblica di Salò, divenne la provincia italiana più presidiata dalle truppe nazifasciste. Nonostante le enormi difficoltà nacquero, tra il ’43 e il ’44, in città e in tutte le zone della provincia, formazioni partigiane che impegnarono in combattimento, fino all’arrivo degli alleati, gli occupanti tedeschi e i fascisti. Tra gli episodi più significativi va ricordato l’assalto al Carcere degli Scalzi che valse alla città la Medaglia d’oro al Valor militare.
    Il documentario attraverso interviste ai protagonisti, con l’aiuto di filmati e di foto d’epoca ricostruisce lo svolgersi dei fatti più significativi compiuti dalla Resistenza Veronese.
    Editore: Istituto Veronese di Storia della Resistenza e dell’età contemporanea.
  • Regia, Montaggio, Riprese, Testo : GIANLUIGI MIELE
    Formato: DVD, Durata: 60’
    Ricerca storica: MURIZIO ZANGARINI- ELISABETTA MONDINO
    Voce:GUIDO RUZZENENTI – Musiche Gruppo Tremalnaik
    Genere: Film Documentario
    Prezzo 15€
  • Partigiani del Baldo: la brigata Avesani
    di Gianluigi Miele
    Le interviste a protagonisti e testimoni della lotta partigiana nella zona del Baldo e della Lessinia occidentale, ricostruiscono, insieme a filmati originali e inediti, la storia della Brigata Avesani, che a partire dal luglio 1944 riuscì a organizzare la resistenza nel cuore della Repubblica di Salò.
    Editore: Istituto Veronese per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea
    Regia, riprese, montaggio,testi : Gianluigi Miele
    Voce: Guido Ruzzenenti
    Musiche: Gruppo Tremalnaik – Canzoniere della Resistenza
    Genere Documentario
    Formato DVD, Durata: 54’
    Verona 2006.
    Prezzo €15
  • Verona: che storia! ciclo di 7 conferenze in DVD
    Prezzo € 25,00
    1: Verona prima di Roma, di Alessandro Guidi
    2: Verona romana: la nascita della città, di Alfredo Buonopane
    3: Verona nel Medioevo, di Gianmaria Varanini
    4: Dalla Serenissima all’Italia unita, di Gian Paolo Romagnani
    5: Dai giolittiani ai socialisti, di Maurizio Zangarini
    6: Fascismo, guerra, resistenza, di Maurizio Zangarini
    7: La democrazia della ricostruzione, di Lorenzo Rocca
  • Verona: che storia! 2° ciclo di 6 conferenze in 7 DVD
    Prezzo € 25,001: La sopravvivenza dell’antico: il caso del teatro e dell’anfiteatro di Verona, di Patrizia Basso
    2: Gli ordini mendicanti nel medioevo veronese: la storia, di Giuseppina De Sandre Gasparini
    3: Gli ordini mendicanti nel medioevo veronese: l’arte, di Tiziana Franco
    4: “Cineres combusti corporis”: furti sacrileghi e pratiche magiche nel veronese in età moderna, di Federico Barbierato
    5: Il movimento cattolico a Verona fra otto e novecento, di Vittorino Colombo (2 DVD)
    6: Parlando di futursimo a Verona (1909-1933), di Agostino Contò